Home > Cinema > The best album cover ever made (part one)

The best album cover ever made (part one)

30 Ottobre 2007

 

The best cover ever made. Ovvero un’overdose d’immagini. Odio stilare classifiche ma, sfogliando

ripetutamente la mia playlist i miei occhi non possono non imbattersi nell’immagine di copertina di album,

LP e via discorrendo.

 

Mi ritrovo così a proporvi le mie  (vuoto. Non le ho contate, ma dato che detesto le classifiche che senso

avrebbero numeri o posizioni?) cover, quelle che secondo il mio modesto parere saltano maggiormente all’occhio, esplicano (o sottintendono) concetti espressi nella musica che racchiudono, in linea coi contenuti del disco o in totale antitesi.

 

Insomma, non meri contenitori di un qualcosa – che poi, a sua volta, ne sottende un altro – ma punto di partenza (o, viceversa di arrivo) di un messaggio, parte integrante di un progetto musicale, elaborazione di uno stile, marchio di fabbrica o firma invisibile. E poi molte cover sono migliori dei dischi che racchiudono. Buon (pseudo)ascolto.

 

 

Blood Sugar Sex Magik - Red Hot Chili Peppers                             Felt Mountain – Goldfrapp

     

 

   A Rush of Blood to the Head - Coldplay                                Achtung Baby – U2

      

 

         Agaetis Byrjun - Sigur Rós                                         Audioslave - Audioslave

     

 

    Diamonds On The Inside – Ben Harper                                       Transformer – Lou Reed

     

  

                         12 Memories - Travis                                                    Jocelyn Pook - Flood      

 

              Sheryl Crow - Sheryl Crow                              Oblivion With Bells – Underworld 

     

 

I commenti sono chiusi.